KYOTO my love

La vera essenza del Giappone si trova qui, racchiusa tra le case da thé delle geishe, i sentieri infiniti di Torii, i templi Patrimonio dell’Unesco.

In questa città il tempo sembra essersi fermato e io mi sarei volentieri fermata con lui.

Kyoto riempie il cuore e gli occhi, vi farà sognare e non vorrete più lasciarla.

Ogni angolo della città è una bellissima scoperta, una preziosa immagine da custodire e da portare a casa.

Kyoto vi farà innamorare.

Kyoto vi stupirà.

Kyoto è magicamente giapponese.

 

Perciò dimenticate la modernità e le luci della sfavillante Tokyo e preparatevi a tornare indietro nel tempo.

Pronti? Cominciamo!

Kyoto può sembrare piccola ma non lo è ma soprattutto le sue bellezze sono sparse nella città e non sempre vicino tra loro.

Vi consiglio di dare un’occhiata a questa mappa che ho richiesto alla  JNTO che spiega molto bene come è divisa la città.

A Kyoto vi serviranno almeno 4 giorni: 3 per la visita della città e 1 per la gita in giornata a NARA. Io personalmente se potessi tornare indietro dedicherei ancora un giorno in più a questa città solo per camminare tra i suoi quartieri e godere delle sue bellezze ancora per un giorno.

20161109_160646

 

Come vedete ci sono 3 zone, io vi consiglio di associarle in questo modo:

GIORNO _ 1    ZONA VERDE: da vedere Kinkakuji Temple e Arashiyama (foresta di bambù)

GIORNO _ 2   ZONA VIOLA: da vedere Kyoto station e più in basso Fushimi Inari

GIORNO _ 3    ZONA ROSSA: da vedere Kiyomizu Temple, quartiere Gion.

GIORNO _ 4    GITA a NARA in giornata

 

Non sembra ma come vi ho già detto le distanze tra questi quartieri sono notevoli, per questo vi potete spostare con i bus verdi e in alcune parti ( Arashiyama e Fushimi Inari) con il treno JR.

Premetto che sono davvero tante le cose da vedere ma se siete un po’ risicati con i tempi queste sono le attrazioni che non potete proprio perdervi:

GIORNO_ 1

ZONA VERDE

  • KINKAKU-JI o PADIGLIONE D’ORO

IMG-20150909-WA0014

E’ il tempio buddista più popolare e visitato del paese e una volta che lo vedrete capire il motivo. Il suo nome deriva dalla foglia d’oro che ricopre il tetto e che crea un particolare riflesso sullo stagno (scattate 100 foto almeno). Si sviluppa su tre piani e contiene le ceneri del Budda. Naturalmente è Patrimonio dell’Unesco ed è situato all’interno di un bellissimo giardino.

  • ARASHIYAMA o FORESTA DI BAMBU’

img-20150909-wa0007

E’ stato un sogno. Prendete il treno e scendete in questo piccolo quartiere. Chiedete una mappa pedonale della zona e dirigetevi alla ricerca della foresta. Una volta arrivati all’ingresso della via pedonale percorrete la foresta a piedi, vi sembrerà di essere sul set del film La tigre e il Dragone. Se poi ci fosse il vento sarebbe tutto perfetto! Le canne sbattono l’una contro l’altra creando davvero un’atmosfera particolare, dicono, perché noi naturalmente quel giorno abbiamo preso pioggia, sigh!

GIORNO_ 2

ZONA VIOLA

  • KYOTO STATION

Da vedere e soprattutto da trascorrere li il pranzo e la merenda. Eh già perché la stazione nasconde un centro commerciale sotterraneo pieno di negozi e locali dove pranzare o fare una buonissima merenda con torte, pasticcini, thè e tisane.

Se come noi avete l’albergo un po’ distante dalla stazione potete trascorrere la mattinata a passeggiare per le vie di Kyoto, pranzare alla stazione e dopo prendere in treno per andare al famosissimo santuario Fushimi Inari.

  • FUSHIMI INARI

E’ il più importante santuario Shintoista ed è considerato un vero e proprio simbolo del Giappone. Una volta arrivati vedrete l’inizio della zona del santuario (generalmente ci sono sempre una serie di costruzioni e poi il santuario vero e proprio) protetta dalle due famose volpi. Una tiene in bocca una pietra, simbolo della divinità del riso Inari, alla quale è dedicato il santuario, e l’altra tiene in bocca la chiave dei magazzini di riso.

Incamminatevi verso la collina immersa nel verde per raggiungere il serpentone di torii arancioni e raggiungere la cima. Ci sono centinai di torii uno dietro l’altro e la scritta che vedrete sopra indica il nome del donatore e la data della donazione. Foto a profusione!!!

GIORNO_ 3

ZONA ROSSA

Partite dal quartiere GION e ammirate le case da thè, e se siete fortunati anche le geishe, e dirigetevi verso la via principale fatta di botteghe e negozi locali di HIGASHIYAMA. Preparatevi a entrare letteralmente in un’altra dimensione fatta di cultura e abitazioni di un’altra epoca.

Camminando e camminando vi troverete davanti alla magnifica porta arancione brillante che rappresenta l’inizio delle varie strutture che vi porteranno di fronte al famoso  KIYOMIZU-DERA.

Vi lascerà senza parole.

Godetevi il quartiere per tutto il pomeriggio, acquistate souvenirs e fate merenda in uno dei tanti negozi che vendono specialità street food.

Camminate, passeggiate, fotografate e respirate l’aria che c’è qui, aria di tradizione, di mistero e di fascino.

Al calar del sole dirigetevi al di là del fiume e andate a cenare nella splendida zona di PONTOCHO fatta di viuzze strettissime e locali microscopici.

img-20150910-wa0042

Vi consiglio con tutto il cuore di andare a mangiare al CHAO CHAO SANJO KIYAMACHI,  i loro famosissimi GYOZA vi regaleranno una piacevole sorpresa.

img-20150909-wa0044

Il locale non è piccolo, di più! Sicuramente non troverete subito posto ma fate la fila fuori e aspettate, ne vale davvero la pena!

 

GIORNO_ 4

Gita a NARA in giornata.

La città in cui centinaia di cervi vi si avvicineranno come cagnolini affinchè gli diate qualcosa da mangiare; la città del maestoso tempio Tōdai-ji, la città del Budda gigante.

Vale davvero la pena trascorrere una giornata.

 

Concludo dicendo che Kyoto è una delle città più belle che io abbia mai visto. Il ricordo che vi porterete a casa sarà indimenticabile. L’atmosfera, le persone, le strade, il ricordo di Kyoto vi farà venire un po’ di malinconia una volta tornati a casa.

Kyoto incanta, Kyoto seduce, Kyoto scalda il cuore.

 

Annunci